giovedì, giugno 27, 2019
Commodities Criptovalute Trading online

Meglio investire nelle Criptovalute o nelle Materie prime (Commodities)?

E’ meglio investire nelle criptovalute o nelle materie prime?

E’ meglio scegliere il Bitcon o l’oro?

Oggi vogliamo soffermarci su queste domande ed iniziare a conoscere meglio il Bitcoin.

Ma i Bitcoin sono diventati veramente più preziosi dell’oro?

Forse non ancora, ma bisogna affermare che i Bitcoin sono diventati molto preziosi rispetto a prima.

I Bitcoin chiamati anche criptomonete o criptovalute, sono riusciti a riprendersi dai minimi di un lungo periodo ma non possiamo affermare ancora che siano più preziosi dell’oro.

I motivi ovviamente non dipendono dal costo singolo del Bitcoin e del costo singolo di grammo di oro.

A breve vi spiegheremo perché!

I Bitcoin sono nati nel 2009 e subito la moneta elettronica si è imposta come mezzo efficace per le sua capacità di eludere le autorità governative.

Potete subito notare che, la maggior parte dei Bitcoin non sono negoziati negli Stati Uniti.

Dalla sua nascita sono stati scambiati fortemente nei mercati oscuri della rete, ma nel corso del tempo sono diventato uno strumento alternativo alla moneta reale.

Molte istituzioni stanno mostrando un grande interesse verso questo nuovo concetto di moneta introdotto dai Bitcoin, noto come il blockchain, ma il percorso di regolamentazione è solo all’inizio e ancora non abbiamo grandi conferme dalle autorità governative.

Ma oggi andiamo a vedere gli ultimi sviluppi intorno ai Bitcoin.

La corsa alla moneta digitale è iniziata molti anni fa e possiamo dire che dalla sua nascita come forma alternativa al denaro reale, è nata la prospettiva di un nuovo ETF (Exchange Traded Funds) che ad oggi è in fase di esame da parte del SEC.

La capacità di diffusione della criptovaluta Bitcoin oltre che legata al suo fascino, è dovuta al fatto che gli utenti la trovano semplice e di facile accesso.

E poi se ci pensate non è vincolata ai governi o alle speculazioni, per cui i pregi del Bitcoin sono davvero molti.

Ma se andiamo ad analizzare bene la situazione, investire in Bitcoin non è poi così accessibile. Però possiamo dire con certezza che:

  • I Bitcoin come valore superano la maggior parte delle valute;
  • La criptovaluta nonostante sia vista con diffidenza, a volte viene considerato un vero e proprio rifugio sicuro;
  • La volatilità non permette più di ottenere quei guadagni che erano una caratteristica della moneta elettronica ai suoi inizi.

Ma come ne pensano gli enti di regolamentazione?

La Commissione per la sicurezza dei cambi ha respinto l’indicizzazione del fondo legato al prezzo dei Bitcoin, perché i mercati in cui i Bitcoin sono negoziati in gran parte sono mercati non regolamentati.

Questa negazione ha fatto crollare il prezzo dei Bitcoin del 15 per cento.

L’assenza di tale regolamento, potrebbe essere un florido terreno di pratiche fraudolente o manipolative del mercato.

Ma adesso vi mostriamo altre ulteriori considerazioni della Commissione.

La decisione della Commissione non è da considerarsi definitiva, i regolamentati legati ai mercati dei Bitcoin possono avere ulteriori sviluppi nel tempo, tali da riconsiderare l’indicizzazione di un fondo quotato Bitcoin.

Cosa ne pensano i fratelli gemelli Tyler Winklevoss?

Famosi per le dispute legali contro Mark Zuckerberg, i fratelli Winklevoss sono anche noti per aver acquistato una notevole quantità di Bitcoin al fine di promuovere la moneta virtuale.

Ma esiste un problema derivante dall’approvazione.
Il problema derivante dall’approvazione risiede nella liquidità, i luoghi di scambio della moneta elettronica sono limitati, è l’approvazione vorrebbe dire fornire tutti i giorni agli investitori e gestori di fondi un accesso ad una forte liquidità.

Gli eventi legati alla moneta elettronica riguardano sicuramente un aumento nel breve periodo di una forte volatilità.

Naturalmente per gli operatori di trading esperti e soprattutto per colore che fanno scalping si tratta di una nuova opportunità.

Per cui, la domanda finale è essenzialmente questa.

Cosa conviene di più? Investire in Bitcoin o nell’oro?

Anche se il Bitcoin è stato considerato un bene rifugio non lo è del tutto, per cui il nostro consiglio ricade comunque sull’oro.

L’oro è il bene rifugio per eccellenza come ben sapete ed è unico, non paragonabile ad altri metalli.
Mentre se pensate al Bitcoin, i termini di paragone ci sono eccome, infatti stanno nascendo sempre più criptovalute che provano a mettersi in competizione con il Bitcoin.

Non abbiamo la conferma se un giorno ancora ci saranno le cripto, ma la certezza che i metalli non spariranno da un momento all’altro c’è!

Back To Top